Panettieri

PANETTIERI

E-mail

Sulle origini di Panettieri, si hanno notizie certe, che fu fondato nel corso del XVI e XVII secolo, da"Coloni" provenienti dalla città di Scigliano, che attirati dall'ottima prospettiva economica, offerta dal monastero di Santa Maria di Corazzo, decisero di stabilirsi in questo fazzoletto di terra distante dal monastero solo 5 Km circa. Intorno al monastero di Corazzo, ricadente nel territorio di Castagna, ( frazione di Carlopoli ), sorto presumibilmente intorno al 1050 d.C. guidato prima dai Benedettini poi dai Cistercenzi, con la presenza significativa di Gioacchino da Fiore,erano presenti
importanti attività economiche quali agricoltura, pastorizia, artigianato, lavorazione del formaggio e
della lana,che portarono alla nascita di insediamenti urbani, detti "Casali".E' storicamente provato
che Panettieri sorse come "Casale" di Scigliano intorno al 1600, mantenendo legami amministrativi
e fiscali con la suddetta città.
Il Monumento ai caduti è composto dalla figura di un Fante in bronzo nell'atto di incitare i compagni all'attacco, posto su un piedistallo rivestito in pietra "Verde di Calabria" e ai suoi piedi è collocata una lapide in marmo, con incisi i nomi dei soldati Panetteresi che hanno dato la vita per difendere la Patria. Fontana Monumentale posta al centro di Piazza San Carlo, dalla forma circolare con al centro uno zampillo. Le vasche sono a forma di conchiglia sovrapposte ed inframmezzate con elementi decorativi. La fontana "Jugale" presenta una struttura rivestita in pietra con due bocche d'acqua che scorrono in una vasca, con al fianco un lavatoio. Ancora oggi gli abitanti del paese e la gente di passaggio si disseta a questa fonte. Monumento dedicato a San Pio dalla forte devozione che gli abitanti del paese hanno verso questo Santo nasce in un piccolo angolo di paese questo monumento, composto da una statua in bronzo a figura intera di San Pio, posta su un basamento lastricato, inaugurato il 12 Agosto 2000. La Chiesa dedicata a San Carlo Borromeo, Santo che oltre a essere stato Arcivescovo di Milano, per la Santità della sua vita terrena, alla morte fu innalzato agli onori degli Altari. Questo evento si verificò in Lombardia, ma l'eco della sua Santità arrivò fino a Panettieri e i nostri avi lo scelsero come Patrono e Protettore. Nella nicchia alle spalle dell'altare centrale è posta al culto la statua lignea di San Carlo Borromeo, realizzata a Napoli alla fine del 1700, su commissione della comunità. Oltre alla statua del Patrono vi sono altre statue raffiguranti la Madonna del Rosario e l'Addolorata, commissionate a Lecce verso la fine del 1800 e pagate con le offerte dei "Panetteresi" emigrati in Africa e in America. Vanno ricordati inoltre : una statua di piccole dimenzioni, raffigurante San Michele Arcangelo, datata 10 Agosto 1906 e un Crocifisso comprato dal Sac. Michele Talarico nel maggio del 1889. Esisteva una grande tela nella navata centrale, raffigurante San Carlo portato in cielo dagli angeli dopo la sua morte, due figure di donne rappresentanti la Fede e la Carità, grandi virtù praticate dal Santo e un gruppo di case simbolo del paese di Panettieri. Nella parte superiore di quest'antica tela troviamo raffigurati le immagini dell'Eterno Padre, di Gesù e della Madonna che accolgono il Santo nella gloria dei cieli. Di particolare rilievo sono anche le tele settecentesche di San Vito e di Maria Santissima del Rosario e un calice a raggi in argento, datato 1782 di fattura napoletana. Altri dipinti ornano la Chiesa, fra questi troviamo il Battesimo di Gesù, San Francesco di Paola e nella navata laterale dedicata alla Madonna, è posto il dipinto dell'Annunciazione. Nella cupola sopra l'altare centrale altri dipinti raffigurano i quattro Evangelisti, Angeli in adorazione e sul lato destro un affresco con l'immagine di Sant'Antonio di Padova. Tutti questi dipinti sono stati realizzati nel 1926 dal pittore Giorgio Pinna di Nicastro.

 

http://www.comune.panettieri.cs.it/index.asp
 

26.02.2014. Intervista a Lucia Nicoletti Presidente Gal Savuto alla firma delle convenzioni con otto Comuni del territorio. VIDEO.

Chi è online

 67 visitatori online

Google traduttore